Pubblicato il 13/01/2024 da alnao nella categoria AWS

Questo articolo non vuole essere una lista la lista dei servizi disponibili, ben descritti nel sito ufficiale, ma questo gruppo di articoli vuole essere una esposizione di esempi pratici di combinazione dei vari servizi. I siti di riferimento sono il centro per sviluppatori e le sezioni dedicate alla IA generativa e al concetto di Machine laerning. Fortunatamente la maggior parte dei linguaggi di programmazione è supportata dal cloud e la lista completa con esempi pratici può essere trovata nel sito ufficiale.

Gli strumenti di sviluppo AWS sono creati per lavorare con AWS e per facilitare al tuo team l’avvio di configurazione e produttività e si basano sul concetto principale di DevOps, si rimanda alla sito ufficiale per maggior dettagli riguardo a questo paradigma della programmazione e alla pagina introduttiva dei servizi dedicati allo sviluppo integrato.

Sono disponibili i vari Tool di AWS come CLI, SDK, CDK e CloudFormation (Infrastructure as Code), questi argomenti sono introdotti in altri articoli e in questa sezione non saranno descritti. Oltre ai servizi messi a disposizione esistono molti Toolkit e IDE specifici per lavorare su AWS come l’estensione ufficiale per Microsoft Visual Studio Code e/o Eclipse, tale toolkit è introdotto nell’articolo sullo sviluppo delle Lambda ed è consigliato agli utenti anche poco esperti, Cloud9 è il tool IDE studiato integrato con la console web di AWS e studiato per integrarsi con tutti gli altri servizi DevOps.


Il servizio Cloud9 è un ambiente di sviluppo integrato (IDE) che permette scrittura di codice, la sua esecuzione anche tramite debugging attraverso browser collegato alla console web di AWS. Include un editor di codice, un dispositivo di esecuzione di debug e di un terminale integrato con tutti gli altri servizi del Cloud. La sua principale potenza è che è studiato per poter essere usato con la maggior parte dei linguaggi di programmazione, tra cui JavaScript, Python, Java e altri. Questo servizio è studiato per permettere ai customer di non dover installare file o configurare il computer di sviluppo ogni volta che inizia un nuovo progetto.

La procedura guidata da console web è molto semplice e necessita pochissime informazioni: un nome simbolico, il tipo di istanza (t2.micro è più che sufficiente e consigliata per evitare costi troppo elevati), il tipo di immagine (Linux 2023), la region, il tipo di connessione e la subnet di destinazione, infatti oltre alle informazioni base bisogna ricordarsi che, trattandosi di sistema virtualizzato, bisogna prestare attenzione agli aspetti di sicurezza, si rimanda alla documentazione ufficiale per maggiori dettagli.

La creazione di ambienti (detto environment) è possibile tramite un comando specifico della CLI che necessita tutti i parametri necessari nella procedura guidata:

aws cloud9 create-environment-ec2
--name my-demo-environment
--description "This environment is for the AWS Cloud9 tutorial."
--instance-type t2.micro
--image-id resolve:ssm:/aws/service/cloud9/amis/amazonlinux-1-x86_64
--region MY-REGION
--connection-type CONNECT_SSM
--subnet-id subnet-1234xxxxx

Questo servizio è stato studiato per essere multi-utente: più utenti possono essere collegati allo stesso ambiente di sviluppo con la possibilità.

Trattandosi di un servizio di sviluppo, è previsto i repository GIT e in particolare è studiato per integrarsi perfettamente con CodeCommit, si rimanda alla documentazione ufficiale dove sono descritti i passi da eseguire per eseguire l’operazione di clonaggio di un repository.

Quando si usa questo servizio bisogna sempre ricordare che l’uso è gratuito ma sono a pagamento tutte le risorse usate, soprattutto l’istanza EC2 usata come base del servizio, si rimanda alla documentazione ufficiale per maggiori dettagli.

MENU